Bridgeman Images rappresenta la Pinacoteca di Brera e la Biblioteca Nazionale Braidense

 

Una collezione d’arte da far invidia ai più bei musei del mondo e una raccolta bibliografica tra le più ricche del paese: due luoghi in cui le anime di artisti, scienziati, scrittori e pensatori vivranno in eterno.

Protettrici del sapere e dispensatrici di cultura, Bridgeman Images é onorata di rappresentare i contenuti custoditi all’interno della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Nazionale Braidense.

 

 

View of the courtyard of Pinacoteca and Statue of Napoleon by Antonio Canova, Palazzo Brera, Milan, Lombardy, Italy (photo) / Photo © Mauro Ranzani / Bridgeman Images

 

Il Palazzo di Brera, attuale sede dell'omonima pinacoteca, della Biblioteca Nazionale Braidense e dell'Accademia di Belle arti, ha origini piuttosto antiche: il nucleo originario risale al 1201, sede principale dell'ordine degli Umiliati soppresso nel 1571 da Papa Pio V.  Il complesso architettonico subisce numerose trasformazioni intorno al XVII secolo per ospitare il collegio della Compagnia del Gesú.

 

The Brera Altarpiece, 1472-74 (tempera on panel),  Piero della Francesca, (c.1415-92) © Pinacoteca di Brera, Milan / Bridgeman Images

 

Pinacoteca di Brera

Principalmente specializzata in pittura veneta e lombarda, racchiudendo inoltre inestimabili capolavori provenienti da altre scuole, la pinacoteca custodisce una delle più celebri raccolte di opere d'arte in Italia e nel mondo.  

Lo Sposalizio della Vergine, 1504 (olio su tavola), Raffaello Sanzio di Urbino (1483-1520) / Pinacoteca di Brera, Milan, Italy / Photo © Pinacoteca di Brera, Milan / Bridgeman Images

 

Cristo Morto, c.1480-90 (tempera on canvas), Mantegna, Andrea (1431-1506) © Pinacoteca di Brera, Milan / Bridgeman Images

 

I primi dipinti arrivano nel 1799, seguiti qualche anno dopo, nel 1803, da altre importanti acquisizioni tra cui i lavori di Pompeo Batoni, Tintoretto, Orazio Gentileschi, Palma il Vecchio e altri grandi maestri, trasformandosi nel tempo da luogo consacrato all'attivitá di didattica ad un museo moderno e nazionale.

 

The discovery of the body of Saint Mark, 1562-66 (oil on canvas), Tintoretto, Jacopo Robusti (1518-94) / Pinacoteca di Brera, Milan, Italy / Photo © Pinacoteca di Brera, Milan / Bridgeman Images

 
 

Difatti, a differenza delle raccolte di Roma, Firenze, Napoli, Torino, Modena e Parma, la nascita della raccolta di Brera non affonda le proprie radici nel collezionismo aristocratico e principesco, bensì viene mossa da una più incline vicinanza a quegli ideali di democrazia e uguaglianza alla base della rivoluzione francese: un collezionismo politico, di Stato, creato per la comunitá.

 

Supper at Emmaus, 1606 (oil on canvas) , Caravaggio, Michelangelo Merisi da (1571-1610) © Pinacoteca di Brera, Milan / Bridgeman Images

 

Il Bacio, 1859 (oil on canvas), Hayez, Francesco (1791-1882) © Pinacoteca di Brera, Milan / Bridgeman Images

 

Head of Young Lady, 1915 (oil on canvas), Modigliani, Amedeo (1884-1920) / Pinacoteca di Brera, Milan, Italy / Pinacoteca di Brera, Milano / Bridgeman Images


 

La Biblioteca Nazionale Braidense

“Una biblioteca aperta ad uso comune di chi desidera maggiormente coltivare il proprio ingegno, e acquistare nuove cognizioni”

Queste furono le motivazione che spinsero dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria nel 1770 a istituire la Biblioteca Braidense, ad oggi custode di una delle raccolte librarie più  importante d’italia.

 

Attualmente  sono raccolti al suo interno circa 1.500.000 unità, tra cui il fondo del Collegio gesuita, nucleo primigenio dell’intera biblioteca, il fondo di Albrecht von Haller (Berna 1708-1777) fondatore della moderna fisiologia,  650 edizioni aldine (1494-1598) e l’intero fondo del celeberrimo scrittore Alessandro Manzoni.

 

Il cospicuo patrimonio iconografico della Biblioteca Nazionale Braidense non si limita au libri di testo: presenta difatti una collezione di incisioni e stampe prodotte con le tecniche tradizionali (xilografie, incisioni su metallo, litografie), coprendo l'arco cronologico che va dal secolo XV al XIX, offrendo un campionario della migliore produzione europea dell'epoca.

 

La Biblioteca possiede un unico fondo esclusivamente fotografico e di grandissima rilevanza, che testimonia l'attività  di Emiliano Sommariva, fotografo milanese della prima metà del Novecento che conquistò solida fama europea.

 

Bridgeman Images | Image. It’s Everything

Le immagini delle opere custodite nella Pinacoteca di Brera e nella Biblioteca Nazionale Braidense sono ora disponibili per la riproduzione attraverso Bridgeman Images.

Forniamo anche ricerche gratuite, quindi approfittate di questo servizio. 

Per qualsiasi domanda in merito alle ricerche o alle immagini di licenza non esitare a contattarci.


Ritorna in cima alla pagina