Mario Dondero rappresentato da Bridgeman Images in esclusiva mondiale

Mario Dondero nello studio di Leemage nel 2004.

"Volevo fare il marinaio poi sono diventato fotografo"

Così si descriveva Mario Dondero: il grande fotogiornalista nato a Milano da una famiglia di origini genovesi.

 

The singer Maria Callas and Walter Chiari in Milan in 1955 / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Indiscusso maestro del fotogiornalismo italiano, Mario Dondero (6 maggio 1928-13 dicembre 2015) inizia la propria carriera negli anni 50 collaborando con testate come Milano Sera, Le Ore, L’Unità.

 

Luchino Visconti assists Maria Callas during the makeup session for “Medea” by Luigi Cherubini (1760-1842) at the Theatre of the Opera in Rome in March 1955. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Si sposta poi a Parigi da dove collabora con L’Espresso, Epoca, L’Europeo nonché noti giornali francesi come Le Monde.

 

Primo Levi, 1985 (photo) / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

A Parigi vive accanto a intellettuali e artisti in un contesto ricchissimo di stimoli culturali e politici.

 

Portrait of Peter Ustinov (born 1921), British actor and screenwriter. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Mosso da curiosità e impegno politico Dondero documentò l’Africa, in special modo l'Algeria nei giorni della guerra per l’indipendenza, ma anche  il Marocco e la Guinea e l’Afganistan dove si concentrò sull’attività di Emergency.

 

Sands War: Algerian prisoners after the Battle of Hassi Beida in the Sahara Desert, 1963  / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

"Il colore distrae. Fotografare una guerra a colori mi pare immorale."

 

Italian immigrants on a train in the south of France, mid-1950s. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Il mare è un tema ricorrente del suo lavoro con immagini di porti, navi, marinai e le loro famiglie.

 

A working father at the shipyard of La Ciotat (13) with his son during the strikes in 1968. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

A testimonianza di questo legame speciale con il mare e la sua gente ricordiamo che fu anche nominato Camallo Onorario della Compagnia unica dei portuali genovesi.

 

The crew of a cod fishing vessel returned to Peniche (Portugal) after an outing. / © Mario Dondero / Bridgeman Images
The crew of a cod fishing vessel returned to Peniche (Portugal) after an outing. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

“Ma sono la passione, l’impegno civile e la curiosità che restano il grande motore. Diversamente, il fotogiornalismo è soltanto una sequenza di scatti senz’anima”

 

Portrait of a peasant, a sickle in hand, Sansepolcro, Tuscany, Italy 2002 Photography / © Mario Dondero / Bridgeman Images
Portrait of a peasant, a sickle in hand, Sansepolcro, Tuscany, Italy 2002 Photography / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Dondero, testimone della storia.

 

Tramp in the Paris metro, 1963 (Homeless in the subway, Paris, 1963) / © Mario Dondero / Bridgeman Images
Tramp in the Paris metro, 1963 / © Mario Dondero / Bridgeman Images


Per lui la fotografia è testimonianza. I suoi scatti non sono mai sensazionalistici ma cercano di fermare la quotidianità, la genuinità delle emozioni, tentano di cogliere l’umanità racchiusa in ogni istante.

 

Portrait of Pier Paolo Pasolini at the time of shooting the film "La rabbia" (La rage) in 1963 © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Scopri insieme al lavoro di Mario Dondero, gli altri grandi fotoreporter italiani del secondo dopoguerra, rappresentati da Bridgeman Images in Italia:

Sandro Becchetti

Federico Garolla

Ando Gilardi

Mario Dondero


Ritorna in cima alla pagina