La Biblioteca Reale di Torino

Le immagini della Biblioteca Reale di Torino ora disponibili attraverso Bridgeman Images

La Biblioteca Reale di Torino è parte di uno dei complessi museali più estesi d’Europa: i Musei Reali

Situati nel cuore della città antica sono pari, per dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenze reali europee e conservano testimonianze dalla Preistoria all’Età moderna.

Studi di carri d'assalto muniti di falci, c. 1485, per Ludovico il Moro, Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

La loro origine risale al 1563, quando Emanuele Filiberto di Savoia trasferì la capitale del ducato da Chambéry a Torino e diede inizio all’arricchimento delle collezioni dinastiche. Tra il Seicento e il Settecento la residenza, con al centro il Palazzo Reale, si espanse. Oggi di proprietà dello Stato italiano, fu abitata dai Savoia fino al 1946.

Il gruppo dei Musei Reali include: il Palazzo Reale, l’Armeria Reale, la Biblioteca Reale, la Galleria Sabauda, il Museo di Antichità e i Giardini Reali.

Proprio dalla Biblioteca Reale provengono le straordinarie immagini del nucleo di autografi di Leonardo e della sua scuola, che includono:

 

Il celebre Codice sul volo degli uccelli, donato nel 1893 da Teodoro Sabachnikoff a re Umberto I:

Codice sul volo degli uccelli, c. 1505-06, manoscritto cartaceo, cc.
Immagine di sinistra: 18, foglio 15 verso / Immagine di destra: 18, foglio 7 verso
Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

Studi di nudi per la Battaglia d’Anghiari:

Nudi, per la "Battaglia di Anghiari" e altri studi di figura, c. 1505 (penna e inchiostro bruno, tracce di carboncino su carta) Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

Disegni preparatori per i cavalli dei monumenti Sforza e Trivulzio:

Studi degli arti anteriori del cavallo, c. 1490 (punta metallica e lumeggiature di biacca su carta preparata azzurra) Studio per il monumento equestre a Francesco Sforza / Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

Un file, di altissima qualità, della Testa virile di profilo coronata di alloro, con la firma di Leonardo da Vinci:

Testa virile di profilo coronata di alloro, c. 1506-10 (sanguigna con contorni ripassati a penna su carta bianca) Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

Lo straordinario studio per l’angelo della Vergine delle Rocce, noto come Volto di fanciulla, e presunto ritratto di Cecilia Gallerani:

Busto di fanciulla, studio per la "Vergine delle Rocce", c. 1483-1485 (punta metallica e lumeggiature di biacca su carta preparata ocra chiara) Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

E, dulcis in fundo, il celeberrimo Ritratto di vecchio, ritenuto l’Autoritratto di Leonardo, acquistato da Carlo Alberto nel 1839:

Autoritratto, c. 1515-16 (sanguigna su carta bianca) Leonardo Da Vinci, (1452-1519) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

È parte di questa incredibile collezione anche lo studio per l'angelo del "Battesimo di Cristo" del Verrocchio:

Busto di giovane, studio per l'angelo del "Battesimo di Cristo" del Verrocchio, c. 1475 (punta metallica, acquerello ocra e biacca su carta preparata ocra chiara) Bottega del Verrocchio (1437-1488) / Biblioteca Reale / © Musei Reali di Torino / Bridgeman Images

 

Le immagini della Biblioteca Reale di Torino sono ora disponibili per la riproduzione attraverso Bridgeman Images. Contattateci per ulteriori informazioni.

 

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime novità sui nostri artisti, musei e collezioni.


Ritorna in cima alla pagina